F*** Y** damn time!

DCIM100GOPROGOPR1222.

Pezzo per entrare nel mood:

Stavo per pubblicare la foto che vedete in evidenza sul nostro Facebook ma sono stato interrotto da più pensieri:
  • Se il signor Z ci ha censurato un po’ di sedere nel video di specchio significa che anche due diti medi (per scriverlo ho rispolverato la regola dei plurali doppi) sono passibili di censura.
  • La grande F ci ha consigliato di comportarci bene se vogliamo essere marchiati dalla famigerata spunta blu. Dobbiamo gestire la cosa da simil-anonimi; senza scherzi!
  • Di solito per scrivere “papielli” uso il blog di dalpuntodivista records. Voglio scrivere un “papiello”* inconsistente.
Ci siamo buttati in piscina con l’idea poco originale di riprodurre una nostra versione della celebre copertina di Nevermind. Pensate, già avevamo pronto l’hastag #NeverVAT ma qualcosa è andata fortunatamente male:
Tutte le divertenti immersioni hanno prodotto tanto divertimento e contemporaneamente tanti inutili scatti incapaci di ricordare la cover nemmeno lontanamente… La verità è che non siamo più dei neonati.
nevermind-620x620
Il famoso concept, sparato in giro il 24 Settembre 1991, quest’anno compie 25 anni. Io, esattamente un mese dopo alla ricorrenza ne compio 24. I ragazzi in questa settimana festeggiano due dannati compleanni e questa cosa mi manda proprio fuori di testa, tanto da farmi esclamare in piena notte #fuckyoudamntime !

Ora Micah P. Hinson ha finito di suonare e, per restare in tema, sono passato ad ascoltare la causa di tutto questo sproloquio ansioso.

Mi sfogo proprio come vuole il grunge. Mi sono distratto, sono le 5:00, tra poco c’è l’alba, taglio corto:

Il tempo è il nostro principale nemico come dice JohnD  e la VAT VAT VAT si deve assolutamente richiudere in studio a suonare e spermientare per non perdere l’entusiasmo ed il brio che ci accompagna da due anni e mezzo.
Reazioni sta camminando con le sue gambe e noi non abbiamo affatto intenzione di assuefarci, spero.
Quindi, molto esplicitamente, il gesto in foto non sta per delineare volgarità o arroganza.
E’ solo ed esclusivamente dedicato al “tempo” che ci corre ansiosamente dietro! Lo distruggeremo.

*papiello/i: unità di misura irpina che indica un testo lungo, spesso noioso, che supera le 300 parole.

 

Ciao.

 

From Vanni and Troupe to VAT VAT VAT !!! Pick yourself up!

Pick yourself up!

Queste sono le parole che rimbombano nella mia testa da un paio di giorni: Pick yourself up! Pick yourself up! Pick yourself up…….. E’ l’ardua strada che abbiamo deciso intraprendere, è proprio lei che mi mette queste cose in testa: Pick yourself up!

Da quando è iniziata la nostra ardua avventura (circa 700 giorni fa) forse gli ultimi 120 sono stati i più duri di sempre. Dopo l’attività di  SPAM  fatta nei giorni precedenti ci siamo ritrovati di fronte a degli incroci davvero impegnativi.

Che cosa avreste fatto voi se più di una realtà del settore, diciamo due, avanzassero una proposta quasi uguale (ed in generale controproducente a lungo termine) nei confronti di una cosa che avete creato dal nulla? Delegare le responsabilità e dunque l’impegno è la giusta strada da percorrere?? mmmm

Noi ci abbiamo pensato davvero a lungo e la risposta alle fantomatiche case discografiche in questione è stata: “nessuna risposta”. Sapete cosa abbiamo fatto?

Ci siamo presi il nostro tempo per decidere facendo i DJ!

#vatvatvat #techno #pasquetta #white #dj #party #little #mixer

Un video pubblicato da VAT (@vat_vat_vat) in data:

Ovviamente scherzo, abbiamo fatto di peggio!

Ci siamo guardati negli occhi e con un’ammissione di colpe generale per la nostra manifesta immaturità abbiamo deciso di smetterla di fare i bambini, ergo: Pick yourself fucking up!

Abbiamo ragionato e capito che firmare un contratto simile a quello che ci è capitato con qualsivoglia etichetta (a meno che la Sony o affini in un attimo di follia non decidano improvvisamente di produrci “sani sani”) possa rivelarsi fatale per la nostra giovane vita artistica.

Come si sa l’avvento di internet ha stravolto completamente il mercato musicale (già in crisi per questioni di feticizzazione della musica) e le piccole realtà sono state bypassate in todo dall’artista che, con l’autoproduzione ed autopromozione, è capace autonomamente di raggiungere un folto numero di potenziali ascoltatori e quindi di ritagliarsi il proprio mercato.

Togliendo i paroloni copiati ed incollati dai peggiori libri è proprio quello che ci stiamo accingendo a fare:

L’obiettivo da perseguire prima di Maggio è produrre il nostro primo EP ufficiale in modo da tracciare una spessa linea di demarcazione tra chi siamo stati ed i nostri nuovi noi!

Stiamo transitando from Vanni and Troupe to VAT VAT VAT e non vediamo l’ora di presentarci al pubblico ed a questo 2016 inoltrato!!!

Ah! Pick yourself up!!!!!!!!!!

La nostra storia!

VAT VAT VAT! Spacchiamo la placenta!

Proprio come un feto stiamo lottando per ottenere la nostra forma e di tanto in tanto facciamo un po’ di casino!

Ed ecco un po’ di sano “ammuino” by #VATVATVAT !!!!!!!Ci siamo quasi!#RockOn!

Pubblicato da VAT su Venerdì 18 marzo 2016

Comunque i nostri polmoni hanno bisogno di aria esterna ed è il motivo per cui presto spaccheremo questa placenta per iniziare sul serio una lunga attività live.

Queste ultime settimane sono state davvero determinanti per il nostro futuro. Come qualcuno di voi sa  lo scorso Novembre abbiamo pubblicato Specchio con un video “vietato ai minori”[cit.] e da allora è iniziata una lunga ed estenuante attività di SPAM.

Dio solo sa quante mail sono state inviate prima che la nuova casella di posta vat@dalpuntodivista.it perdesse la sua “verginità” (passatemi il termine).

Dopo un’inerzia iniziale di risposte ne abbiamo ricevute tante! Di improbabili tantissime! Alcune anche leggermente ambigue (si, ce lo aspettavamo dopo aver mostrato le nostre grazie). Quelle più simpatiche però ci sono state date da gente del settore. Ne parleremo prossimamente!

Intanto siamo arrivati a delle conclusioni forti che fortunatamente trovano giorno dopo giorno sempre più conferme, una di queste?

  • L’auto-produzione e l’ auto-promozione sono le due uniche alternative alla sterilità.

Ed è uno dei motivi per cui sta per nascere Dalpuntodivista Records !

Non vediamo l’ora di cavalcare il prossimo palco! Siamo carichi!

VAT VAT VAT !

John D Needle: Genesi tramite video random!

John D Needle è nato da un’idea di essenzialità:”il riraggiungimento della semplicità cantautorale”;

Spiego:

Lo so, sembra strano ed addirittura quasi “strumentalizzato” ma è inconsapevolmente iniziato tutto così, dalla reazione alla cosa più triste ed inaspettata che potevo immaginare:

Oltre all’hastag #nothingcanstopmusic rimbalzato un po’ nel mondo di Youtube ed oltre all’ennesima conferma sulla potenza e la “necessarietà” della musica nella vita in generale, ho avuto modo di sperimentare soluzioni musicali diverse che, seppur (come al solito) improvvisate, hanno raccolto pareri positivi dall’ascoltatore che mi hanno incentivato ad andare avanti.

Devo continuare! Ho pensato… Perché non semplificare ancora?

Era il periodo natalizio, mi sono trovato un banjo in braccio ed è andata così:

Non prendetemi troppo in giro (:,,  su Instagram l’estratto di 15 secondi ha fatto scalpore facendomi guadagnare tanti inutili followers!

Comunque la mia idea di semplicità iniziava a tramutarsi in qualcosa di semplicistico rendendomi un sempliciotto ed ho dovuto ritrovare la strada:

… Muddy Waters ed il classic blues non deludono mai!

Il gioco sembra fatto, le idee sembrano chiare ed inizio a scrivere il mio “risveglio”.

#blackbird #beatles #sundayafternoon #sunday #room #paulmccartney #johnlennon #fingerstyle #pentagramma #music #me #johndneedle #flying

Un video pubblicato da John D Needle (@johndneedle) in data:

 

1 mese pieno rinchiuso dalpuntodivista e mi ritrovo con 5 brani davanti che raccolgono 5 anni di esperienze nella lingua che lascia più spazio all’immaginazione di tutte: l’inglese.

Ho giusto il tempo di fare il fantasma di uno dei miei autori preferiti

prima di convincermi ad iniziare a mettere tutto nero su bianco.

Quindi il più presto possibile iniziano le registrazioni di “Awakenings” che non vedo l’ora di farvi ascoltare!

La VAT intanto sta trovando la sua strada tra mille difficoltà e mi tocca salutare per un po’ questo diario virtuale fino al raggiungimento del prossimo passo in avanti!

Quella in evidenza è la mia firma ed io ci sono.

A presto!

I’m John D Needle and I’m a songwriter!

Una storia a lieto fine!

Erano tre mesi circa che io e la troupe non ci vedevamo.

 

Dopo la pubblicazione di SPECCHIO ci siamo presi una sorta di pausa di riflessione spontanea in cui ognuno di noi ha portato avanti le proprie cose.

Non ci sono state delusioni particolari, forse le aspettative troppo alte che abbiamo poco umilmente sempre nutrito in merito al progetto ci hanno condizionato implicitamente, o forse semplicemente dopo aver suonato e ballato nudi ci siamo iniziati ad “odiare” un po’…

Non so cosa sia successo, so solo che ieri, dopo 3 mesi, ho preso chitarra ed effetti e sono andato alla sala prove: poche parole, tante cose da dire, molto da suonare.

Il mi cantino è saltato alla seconda canzone mentre sperimentavo accordature aperte ma credo siano bastati alcuni sguardi iniziali con gli occhi lucidi per farci capire che sarebbe stato da puri ingrati buttare al vento due anni di sacrifici così, senza motivi reali se non per mancanza di voglia.

Erano le 22:30 e naturalmente le cose andavano scemando. Mi sono messo in macchina ed intontito dalle vibrazioni della  VAT stavo per tornare a casa, quando, all’improvviso, lei mi salta davanti come un topo; proprio come un topolino nero: velocissimamente!


Non sono un guidatore virtuoso (in realtà non credo di essere virtuoso in nessuna cosa in particolare) ma la evito con una manovra degna del miglior Colin McRae (amavo quella Subaru Impreza Blu nell’omonimo gioco su playstation1). Scappa via, la seguo, è super impaurita ed affamata. Siamo nella piazzetta di un piccolo paese e si avvicina a due ragazzine con aria speranzosa. La osservo e spero che una delle due mi faccia capire di essere la padrona del topolino, ma niente, la ignorano. Per essere certo di sbagliarmi accosto e chiedo; le ragazzine se la danno praticamente a gambe (e fanno bene, voi vi fidereste di uno non proprio in camicia bianca che sta seguendo un cagnolino disperato?). Resto 30 secondi in meditazione, scendo, la prendo e sono già al telefono con Maila per annunciarle di aver fatto un guaio.

 Il topolino nero cercherà di infilarsi sotto la mia maglia per le successive due ore mentre subisco gli insulti di tutto l’albero genealogico per essermi fatto prendere ancora una volta dal sentimentalismo piuttosto che dalla razionalità, ma io so che sto facendo.

Quello str*** di Django aveva sentito l’ospite già al bivio a 100 metri da casa ed inizia il suo grande dramma di gelosia apprestandosi ad ululare per tutta la notte. Dormiamo, ci svegliamo ed io inizio la mia storia parallela fatta di coccole e carezze mentre la mia ragazza umana si ingelosisce.

 

#puppy #facetoface #black #girl #cucciolo #trovatello #foundling #home #little #small #dog #animal #nature

Un video pubblicato da John D Needle (@johndneedle) in data:

Facebook è uno strumento assurdo ed io mi sono stancato di citare Chaplin per farmelo capire. Lo utilizzo nel verso giusto e dopo 20 ore di empatia ricevo la chiamata! Stavamo andando dal veterinario per un controllo generale e ci troviamo di fronte ad una ragazzina entusiasta che mi strappa letteralmente dalle braccia il topino urlando: << LOLAAAAAAAAA >> ! Resto senza parole, sono commosso, sono felice.

Tutto questo mi ha dato da pensare ed è il motivo per cui ho scritto questo post alle 4 del mattino. Io sono una persona egoista ma la mia teoria del “egoismo estremo=altruismo reale” paga ancora una volta. Ero solo curioso e non volevo assolutamente patire i morsi dell’indifferenza, non potevo immaginare di riuscire a restituire un sorriso ad una bambina stupenda. E’ successo e basta!

Lola è stata dolcissima, ho fatto pace con Django e martedì re-inizieremo a suonare costantemente!

Questa è una storia a lieto fine e ne approfitto per citare Anatole France:

“Fino a quando non hai amato un animale, una parte della tua anima sarà sempre senza luce”

Grazie a tutti per le numerose condivisioni su FB, grazie a voi Lola è tornata a casa!

Ehi! Da quanto tempo!

Non scrivevo su questo blog da quasi un anno pieno! wow!!

Innanzitutto vorrei farvi entrare nel mood di queste 3 di notte e per farlo dovete poggiarvi sul mio stesso tappeto

Ecco, io amo letteralmente questa f**** playlist di ITunes!

Comunque l’ultima volta vi ho parlato di un week-end irpino ed è stato l’input che mi ha allontanato per un po’ di tempo dal mondo virtuale per farmi vivere”Dal punto di vista” nella realtà! Non ci avrei scommesso tanto ma Io&Greiv siamo riusciti a chiudere la mini stagione televisiva con un discreto successo!

Con la Vanni&Troupe siamo cresciuti un po’, non troppo eh! Quanto basta per girare un porno insomma! (:

Anyway sto studiando seriamente l’inglese e divento improvvisamente John D Needle ! Sono nate delle cose interessanti che non vedo l’ora di presentarvi…

Intanto Martina è diventata Maila ed io non so cos’altro può succedere nei prossimi mesi!

Non mi resta che lasciarvi con la mia preghiera preferita

Buonanotte!

A presto!